Formazione religiosa

Formazione religiosa

Il tema religioso come coronamento della formazione della persona

A coronamento della formazione, la programmazione del CFP ritiene importante e doveroso prendere in esame e affrontare anche il tema religioso. Non tanto con l'obiettivo di privilegiare una religione specifica rispetto ad altre, quanto piuttosto per mettere in primo piano il rispetto e l'amore per tutte le persone.

L'educazione e la formazione, in un contesto sempre più multietnico e multi religioso, devono aiutare aiutino i giovani a non ignorare o eludere il dato di fatto delle diversità di fede o non fede come di fedi e religioni diverse tra le persone.
Si tratta infatti di concezioni che riflettono modi di sentire molto profondi e radicati nella coscienza e nella storia degli individui a fronte dei quali è importante aiutare tutte le persone a porsi con la massima delicatezza e il pieno rispetto degli altri, senza sentirsi né da essi minacciati e assorbiti né indotti a sentimenti di superiorità e di conquista.

Aiutare a vivere insieme persone diverse per scelta religiosa

Per convivere persone credenti e non credenti o di diversa religione è importante insegnare a governare le emozioni attraverso lo studio, il ragionamento, la riflessione.
Emozioni ed immagini muovono e guidano in modo profondo i sentimenti, la vita e le azioni degli esseri umani, delle persone. La scelta religiosa, professando una religione o rifiutandole tutte, è tra quelle più radicate nel profondo degli uomini e delle donne. Aiutare le persone fin dalla loro giovinezza a rendersi conto di questo dato, può renderli più riflessivi e capaci di superare il timore e la paura di fronte a chi, nel profondo sente, vive e pensa in modo diverso da lui.
Una diversità che non nasce dalla contrapposizione, ma da una diversa educazione, ricevuta direttamente e/o indirettamente dalla famiglia e/o dallo stato di provenienza.

Vivere insieme in un quadro generale di principi e regole condivisibili e condivise

Per vivere insieme in pace è necessario un quadro di riferimento che, in quanto frutto ed espressione delle diversità di cui sono portatori i singoli cittadini e i relativi gruppi di appartenenza, deve essere reso noto, acquisito e condiviso fin dal momento della educazione e della formazione e che va poi costantemente monitorato e per quanto possibile migliorato attraverso la ricerca, il confronto rispettoso e il dialogo continui.

Educare alla libertà, alla coerenza e alla responsabilità

Al fine di aiutare i giovani e ciascun giovane a vivere con coerenza la propria libera scelta in fatto di religione, ma ad acquisire anche la piena consapevolezza di dover essere perciò stesso rigorosamente rispettoso della scelta libera e cosciente degli altri.
Ciascuna persona ha pertanto il diritto- dovere di ripetere in proprio quanto è stato affermato da un grande pensatore, giunto alla fede cristiana in età adulta: “la mia coscienza si può anche sbagliare, ma io non la posso contraddire”  Jacques Maritain (1882-1973).

Opera Diocesana Giovanni XXIII - via Piangipane, 429 - 48100 Piangipane (Ravenna) - Tel. 0544.418616 Fax 0544.418614
P.IVA 00866330392 - C.F. 80009250392 - web design Wafer